Sempre più innovative e tecnologiche le auto ibride ed elettriche coprono una grande fetta del mercato automobilistico e sono frutto della necessità di ridurre le emissioni di CO2 e salvaguardare il nostro pianeta.

Sia chiaro però, veicoli ibridi ed elettrici non sono la stessa cosa!
Scopriamo insieme agli specialisti della Casa del Contachilometro quali sono le differenze tra un’auto ibrida e una elettrica e quali sono i vantaggi derivati dai motori ecologici.

Le tipologie di auto ibride

Come definire se un’auto è ibrida o elettrica?

Ebbene, l’auto ibrida è equipaggiata da un motore termico e da un motore elettrico, mentre la seconda è alimentata da una batteria, ricaricabile tramite le colonnine.

I motori di un’auto ibrida funzionano in sincronia secondo differenti modalità:

  • Full Hybrid, che permette di compiere alcuni km in modalità completamente elettrica;
  • Mild Hybrid, dove il motore combustibile ha ancora una funzione primaria, ma viene supportato da quello elettrico nelle fasi di accelerazione;
  • Plug-in hybrid, detti anche ibridi ricaricabili, in grado di viaggiare con il motore elettrico in maggiore autonomia e di percorrere fino a 50 km in modalità elettrica. Questa tipologia si avvicina molto al concetto di guida a emissione 0.

Auto elettrica

A differenza dei veicoli ibridi, le auto elettriche sono alimentate da un a batteria al litio ricaricabile, inserita nel veicolo. Se dal punto di vista ecologico abbiamo un netto miglioramento, dal punto di vista funzionale potremmo avere qualche difficoltà in più.

Per circolare con un’auto elettrica, infatti, è necessaria una ricarica effettuata tramite apposita colonnina in una stazione di servizio pubblica o privata. Pagando modesti costi di installazione e un canone mensile è possibile installare a casa propria una wallbox, in grado di aumentare l’autonomia della vettura di 50 km in circa 3 ore.

Motore a combustione o elettrico?

Scegliere un’auto 100% elettrica non prevede combustione di alcun tipo e quindi una totale assenza emissioni di gas serra. Se da un lato è sicuramente una scelta ecologica, dall’altro è importante considerare l’utilizzo che vogliamo farne: se il tragitto quotidiano è di pochi km allora non ci sarà nessun problema e basterà una ricarica notturna per mettervi nelle condizioni di sfruttare il potenziale elettrico. In caso contrario sarà necessario valutare più attentamente l’acquisto poiché, ad ogni viaggio, sarà necessario effettuare alcuni stop forzati per consentire alla nostra auto di recuperare energia.

Sicuramente, allo stato attuale, un’auto ibrida rispetto all’elettrica può fornire una maggiore autonomia e risparmio sul piano ecologico ed economico.
Se state valutando l’acquisto di un nuovo veicolo ponderate la vostra scelta e lasciatevi ispirare dal nostro approfondimento. Per richiedere ulteriori informazioni, clicca qui.