È da diversi anni che sentiamo parlare di blocco auto a diesel e delle politiche antismog nelle grandi metropoli.

La diffusione delle polveri sottili e le costanti rilevazioni di ossido di azoto e monossido di carbonio prodotti dai veicoli, hanno rivelato un risultato preoccupante in merito all’inquinamento atmosferico nelle città. Proprio per questo le amministrazioni hanno deciso di intervenire bloccando la circolazione delle auto diesel in determinati giorni della settimana e in certe zone delle città.

Questi provvedimenti, interessanti dal punto di vista ecologico, hanno però causato fraintendimenti e confusione, in quanto messi in pratica solo da alcuni comuni delle diverse zone d’Italia.

In questo approfondimento insieme ai professionisti della Casa del Contachilometro, andremo a chiarire quali sono le novità per le auto diesel nelle diverse regioni d’Italia.

Blocco auto a diesel: chi può circolare e dove

Grazie all’innovazione tecnologica e al successo delle auto ibride ed elettriche, il Governo sta cercando di ridurre l’inquinamento e di avere un occhio di riguardo per la salute dei cittadini e quella del Pianeta. Se dal 21 gennaio 2021 è stato possibile transitare all’interno delle città con i propri mezzi euro 4, da quella data saranno effettuate restrizioni, che garantiranno il transito solo a veicoli a euro 5 e a modelli più recenti.

A Roma e Torino, per esempio, sono in auge misure restrittive per le auto diesel: se la tua auto appartiene alle categorie euro 0,1,2 e 3, non potrai circolare durante i giorni lavorativi e, in caso di peggioramento dei livelli di smog, per tutto il weekend.

In Lombardia, chi dovesse possedere una vettura diesel, valuti attentamente come comportarsi nei prossimi anni: entro il 2030 sono previsti blocchi degli euro 5, 6 ed euro 6-Temp.

In Veneto invece è stato adottato un sistema differente per la rilevazione delle polveri sottoli: il livello di inquinamento viene distinto in 3 fasce, verde, arancio e rosso che hanno messo uno stop definitivo dalle 8:30 alle 18:30 alla circolazione di tutte le vetture euro 0,1,2,3.

Insomma, ogni città ha preso i dovuti provvedimenti per effettuare un graduale passaggio verso modelli più ecologici e favorire la diminuzione delle polveri sottili. Se ne avete la possibilità valutate un’auto ibrida o elettrica e contribuite alla diminuzione dei livelli di smog.

Se nutri ulteriori dubbi in merito al blocco delle auto diesel, richiedi maggiori informazioni ai professionisti della Casa del Contachilometro, cliccando qui.