Il contachilometri è uno strumento che registra la distanza percorsa da un veicolo. È diverso da un tachimetro che misura la velocità del veicolo o dal contagiri che indica la velocità di rotazione del motore.

L’enciclopedia Britannia attribuisce all’architetto e ingegnere romano Vitruvio l’invenzione del contachilometri nel 15 a.C. Utilizzava una ruota di carro, di dimensioni standard, girata circa 400 volte in un miglio romano ed era montata su un telaio con una ruota dentata da 400 denti. Per ogni miglio, la ruota dentata innestava una marcia che faceva cadere un sassolino in un’apposita scatola. Si sapeva quante miglia si erano percorse contando i ciottoli.

L’evoluzione temporale del contachilometri

Blaise Pascal inventò invece, un prototipo di contachilometri, la macchina calcolatrice chiamata “Pascaline”. La Pascaline è stata costruita con ingranaggi e ruote. Ogni ingranaggio conteneva 10 denti che, quando si muovevano di un giro completo, facevano avanzare un secondo ingranaggio di una posizione. Questo è lo stesso principio impiegato nel contachilometri meccanico.

Thomas Savery era un ingegnere e inventore militare inglese che brevettò il primo motore a vapore grezzo nel 1698. Tra le altre invenzione di Savery c’era un contachilometri per navi, un dispositivo che misurava la distanza percorsa.

Ben Franklin è meglio conosciuto come statista e scrittore. Tuttavia, fu anche un inventore di diverse “tecnologie” come le pinne da nuoto, i parafulmine una stufa a legna e un contachilometri. Mentre prestava servizio come Postmaster General nel 1775, Franklin decise di analizzare i percorsi migliori per la consegna della posta. Creò un semplice contachilometri per aiutare a misurare il chilometraggio dei percorsi.

Il contachilometri roadomater

Un contachilometri chiamato roadometer fu inventato nel 1847 dai pionieri mormani che attraversavano le pianure del Missouri allo Utah. Il tachimetro era attaccato alla ruota di un carro e contava i giri della ruota mentre il carro viaggiava. È stato progettato da William Clayton e Orson Pratt e costruito dal falegname Appleton Milo Harmon. Clyton è stato ispirato a inventare il tachimetro dopo aver sviluppato il suo primo metodo per registrare la distanza che i pionieri percorrevano ogni girono. Aveva stabilito che 360 giri di una ruota di carro facessero un miglio, quindi legò uno straccio alla ruota e contò i giri per tenere un registro preciso del chilometraggio percorso. Dopo sette giorni, questo metodo divenne noioso e Clayton inventò il tachimetro che fu usato per la prima volta la mattina del 12 maggio 1847.

Se siete interessati alla riparazione o alla sostituzione del contachilometri della vostra auto d’epoca, non esitate a contattarci cliccando qui!

Cookie Policy -  Privacy Policy